Esposizione

La galleria di base del San Gottardo arriva nelle stazioni svizzere

Esposizione «Gottardo 2016» è il nome della mostra interattiva sulla galleria ferroviaria più lunga del mondo, che nei prossimi mesi farà tappa nelle maggiori stazioni della Svizzera. 

Immergetevi nella storia dell’opera, scoprite le sue dimensioni impressionanti e la tecnologia che vi sta dietro e osservate da vicino come potrebbe essere la mobilità del futuro. 

Exposizione

L’esposizione è aperta dalle ore 9.00 alle 20.00. 

 

Programma dell’esposizione itinerante «Gottardo 2016»

 

15. – 20.10.2015 Stazione centrale di Zurigo
27.10. – 02.11.2015 Visp, piazzale della stazione
05. – 11.11.2015 Zugo, atrio della stazione
03. – 09.03.2016 Stazione di Ginevra Cornavin, atrio della stazione
14. – 22.03.2016 Berna, sottopassaggio in stazione Christoffel
29.03. – 04.04.2016 San Gallo, atrio della stazione
06. – 12.04.2016 Bienne, piazzale della stazione
14. – 24.04.2016 Basilea, atrio della stazione
02. – 09.05.2016 Lucerna, stazione piano interrato
04./05.06.2016 Biasca, Evento pubblico per l’inaugurazione della galleria di base del San Gottardo

Salvo modifiche.

 

Siete curiosi di scoprirne di più sull’opera del secolo? 

Vi piacerebbe sapere cos’è possibile vedere all’esposizione? Qui trovate una panoramica con tutte le informazioni principali. 

Modulo Storia

Una serie di ritratti di importanti protagonisti, con la descrizione della loro visione, del loro coraggio e del loro spirito pionieristico, racconta la nascita del progetto del secolo. 

 

Geschichte von Gottard - Gründer

Tra questi figurano (da sinistra a destra):

 

Alfred Escher (1819-1882)

È in qualche modo il padre del traffico ferroviario sull’asse nord-sud del San Gottardo. 

 

Eduard Gruner (1905-1984)

Già nel 1947 questo ingegnere di Basilea descriveva l’idea di una galleria lunga circa 50 chilometri tra Amsteg e Biasca. 

 

Flora Ruchat-Roncati (1937-2012)

L’architetta ticinese, membro del «Gruppo di consulenza alla progettazione», ha collaborato alla realizzazione degli eleganti portali nord e sud della galleria. 

 

Adolf Ogi (1942)

Convinse i detrattori in Svizzera e all’estero della necessità di trasferire il traffico merci transalpino dalla strada alla rotaia, nonché di ridurre i tempi di percorrenza per i passeggeri.

 

Marie-Laurence Brustlein (1952)

Associandosi alla maggioranza dei cittadini svizzeri, questa donna di Ginevra si schierò per il «Sì» nelle sei votazioni che diedero il via alla costruzione della galleria di base del San Gottardo.

Cronologia

1882 Apertura della galleria di valico del San Gottardo
1947 Primi progetti per una galleria di base del San Gottardo
1963 Esame delle varianti per la NFTA
1989 Il Consiglio federale sceglie la variante NFTA della rete
1992 Il popolo approva il progetto della Nuova ferrovia transalpina (NFTA)
1995–1998 Dibattiti per il ridimensionamento e il finanziamento
1995 Definizione del tracciato della galleria
1996 Primi lavori di preparazione a Sedrun
1998 Finanziamento della NFTA assicurato dalla decisione del popolo
1999 Inizio dei lavori di avanzamento principali
2002 Impiego della prima fresatrice per tunnel
2007 Apertura della galleria di base del Lötschberg
2010 Caduta del diaframma principale nella galleria di base del San Gottardo
2016 Apertura della galleria di base del San Gottardo
2020 Apertura prevista della galleria di base del Ceneri

Cronologia dettagliata

Breve filmato «La via commercio attraverso il Gottardo: dalla passerella sospesa «Twärrenbrücke» alla galleria di base» 

Modulo «Cifre e fatti da record»

All’esposizione «Gottardo 2016» è possibile scoprire e osservare da vicino i sei fatti più impressionanti riguardanti l’opera del secolo. 

 

57 chilometri La lunghezza della galleria di base del San Gottardo, che ruba così il primato di tunnel ferroviario più lungo del mondo alla galleria Seikan in Giappone, lunga quasi 54 chilometri. 
2300 metri I metri di roccia che in alcuni punti separano la galleria di base del San Gottardo dalla superficie terrestre: questo dato fa della galleria anche il più profondo tunnel ferroviario mai costruito. 
​28,2 milioni di tonnellate Il peso del materiale di scavo estratto. Gran parte è stata riutilizzata all’interno della montagna sotto forma di calcestruzzo. Il materiale restante è stato impiegato per la valorizzazione della zona o l’edificazione di terrapieni. Nel Lago di Uri sono state create tre riserve protette e tre isole balneari.  
17 anni Il tempo richiesto per la costruzione della galleria di base del San Gottardo, che sarà messa in servizio puntuale a dicembre 2016.
210 000 autocarri Il numero di autocarri che entro il 2020 sarà possibile trasferire su rotaia per l’attraversamento delle Alpi. Entro il 2030 questa cifra potrebbe addirittura arrivare a 240 000 corse all’anno. 
1 172 000 Il numero di panettoni che la Coop trasporta ogni anno da sud a nord per via ferroviaria
1 ora Il tempo che le persone in viaggio tra Milano e la Svizzera tedesca potranno risparmiare una volta ultimato l’intero asse del San Gottardo.

Maggiori cifre e fatti su www.gottardo2016.ch

Modulo «Tecnologia»

Grazie ai pezzi esposti e alle spiegazioni fornite, l’esposizione «Gottardo 2016» consente di vedere e capire la straordinarietà di questo capolavoro della tecnica, sia per quanto riguarda la pianificazione che l’attuazione. Inoltre, indossando un paio di occhiali Virtual Reality, potrete immergervi completamente nell’opera del secolo.    

 

Maggiori informazioni sulla costruzione e sulle professioni correlate:

Nell’opuscolo «Nuove vie di transito attraverso il cuore della Svizzera» trovate maggiori informazioni su argomenti quali costruzione e ampliamento del tunnel, geologia, sicurezza e approvvigionamento energetico.

Modulo «Importanza per la Svizzera e per l’Europa»

La galleria di base del San Gottardo avvicina il nord e il sud delle Alpi. Grazie al nuovo materiale rotabile e alla maggiore frequenza e rapidità dei collegamenti, inoltre, sull’asse nord-sud del San Gottardo circoleranno più treni. Per il traffico merci ciò comporterà un aumento esponenziale delle capacità. 

 

Diverse persone raccontano la propria esperienza personale in relazione all’opera del secolo e alla sua importanza per la Svizzera e l’Europa. 

 

Alla scoperta della regione del Gottardo (proposte per escursioni)

Modulo «Mobilità del futuro»

La galleria di base del San Gottardo è un progetto epocale. Ma come viaggeranno le generazioni dopo di noi? Ce lo spiega Sophie Charlotte Andresen, che per professione ipotizza e prevede possibili scenari futuri. Nel suo breve filmato 2050 – The Future of Mobility rappresenta quelle che secondo lei saranno le forme di mobilità nel 2050. In qualità di Creative Consultant, fornisce consulenza ai produttori cinematografici di Hollywood, ma anche ad aziende e istituti. La Andresen (1991) vive e lavora a Berlino.

 

Link correlati

Blog FFS dedicato al Gottardo
Blog di FFS Cargo
Alla scoperta della regione del Gottardo (proposte per escursioni)